Il Tramonto del Consumatore Etico.

di Elizabeth L. Cline

Come tutti, ho apportato alcuni cambiamenti al mio stile di vita durante il pandemia. Mentre gli altri perfezionavano il loro lievito madre, io ho deciso di smettere di essere una consumatrice etica.

PAROLE DI ELIZABETH L. CLINE

Durante la pandemia, come tutti, ho fatto promesse a me stessa e ho cercato di assumere abitudini più sane. Ho ricominciato a lavorare a maglia, a disegnare e a scrivere nel diario. Ho trasformato la mia dipendenza dai reality in TV in interesse per i documentari di Ken Burns. E, mentre gli altri stavano imparando a cuocere pane o a fare giardinaggio, io ho deciso di smettere di essere una consumatrice etica.

Un giorno avevo bisogno di nuovo pigiama. Gap ne vendeva due paia per 40 dollari e li ho comprati. Avevo bisogno di rifornimenti da ufficio a casa e li ho ordinati su Amazon. E ho anche ricominciato a usare bicchieri di plastica monouso per la mia macchina del caffé.

I “consumatori etici” sono persone che credono che stiamo portando lentamente e inesorabilmente imprese e società ad essere più responsabili un acquisto alla volta. Per decenni, ho sposato anche io questo sistema di credenze, ho mangiato vegetariano, ho comprato cibo biologico, ho evitato la moda delle grandi catene e ho scritto libri sul consumo consapevole.

Vivo in un quartiere di Brooklyn progettato per consumatori etici, costellato di saloni per unghie non tossici, negozi di abbigliamento per bambini del commercio equo e solidale ed enoteche biologiche. Essere un consumatore etico faceva parte della mia realtà quotidiana, del mio lavoro e della mia identità, o almeno lo faceva. Potrei spiegare la mia decisione di rinunciare a tutto come una mancanza di energia emotiva o di denaro per fare acquisti etici durante la pandemia o dare la colpa al fatto che la mia caffetteria di fiducia abbia vietato i contenitori riutilizzabili per ovvie ragioni. Queste cose sono vere, ma il punto di svolta per me è stato lavorare alla campagna #PayUp, un movimento di massa di cittadini e operai che si è formato a marzo, al fine di fare pressione sulle grandi catene di abbigliamento, tra cui Gap, perché pagassero i lavoratori nella loro catena di approvvigionamento per i 40 miliardi di dollari di ordini prodotti prima la pandemia. (Gap e altre 20 società da quel momento hanno accettato di pagare). Ho anche raccolto soldi per i lavoratori tessili che hanno perso il lavoro e stavano soffrendo la fame, per lo più donne di colore che, nonostante lavorino per i più grandi marchi di abbigliamento del mondo, vivono in povertà e non hanno reti di sicurezza.

Cosa hanno fatto tutti i miei decenni di consumo etico per proteggere questi lavoratori e aumentare i loro stipendi? Niente. Il mio consumo etico non poteva proteggere le persone che muoiono e si ammalano gravemente in percentuali molto più elevate rispetto ai bianchi durante la pandemia. Non ha intaccato il cambiamento climatico o l’inquinamento da plastica. Non poteva nemmeno proteggere i lavoratori al dettaglio, neanche quelli impiegati in catene di negozi “etici” come Whole Foods e Trader Joe’s, che hanno dovuto continuare a lavorare nonostante il virus si diffondesse perché non guadagnano abbastanza soldi per restare a casa.

La pandemia ha spazzato via tante illusioni. I nostri problemi sociali, dalla crisi climatica al razzismo sistemico, alla disuguaglianza economica, corrono così in profondità e sono così radicati che non abbiamo avuto altra scelta che affrontarli. Per me, questo ha significato smettere di confondere i miei pigiami etici con il cambiamento sociale e mi sono impegnata più a fondo per capire cosa fare per costruire invece un vero potere politico.

Un’ attivista di Extinction Rebellion al Redress the Injustice Protest a Londra. Fotografia di Dave Rushen / SOPA Images / LightRocket tramite Getty Images.

Come la nostra politica è stata rovesciata

Non sono certo la prima a lottare con il paradosso del consumo etico o a dubitare della sua efficacia. Un eccellente studio accademico del 2010 chiamato Il mito del consumatore etico ha evidenziato come la maggior parte dei consumatori esageri costantemente la propria fedeltà ai prodotti socialmente etici o ecologici (il prezzo in realtà è il fattore più determinante quando facciamo acquisti), di conseguenza il mercato dei prodotti fabbricati in modo responsabile è esploso, ma non è chiaro quanto di questo giro d’affari sia andato comunque alle grandi aziende, che si sono reinventate nel marketing con dei piccoli ritocchi per descriversi sostenibili e “green”.  Forse possiamo spiegare il fenomeno con un accrescimento della disuguaglianza (più persone ricche significano più acquirenti per prodotti etici e costosi), sicuramente abbiamo assistito ad un incremento del consumo etico che confonde ulteriormente le acque, con collezioni di fast fashion “sostenibili” cucite da lavoratori sfruttati e con polli senza gabbia, ma cresciuti comunque negli allevamenti intensivi da coltivatori indebitati con le grosse aziende alimentari.

In questo modo il consumo etico può servire come una sorta di illusione o di fantasia in cui diciamo a noi stessi che le nostre azioni economiche sono giuste e che stiamo facendo la nostra piccola parte per fare la differenza, anche di fronte a prove deludenti. Un numero crescente di persone si chiede se possiamo “comprare il nostro modo di evolverci”, perfino Vogue se l’è chiesto in un recente articolo. Ci sono thread di Reddit e un articolo su The Guardian dell’inizio di quest’anno che hanno sottolineato come il consumo etico sia una prerogativa dei benestanti, e non si tiene conto della nozione marxista altrettanto diffusa che non esiste “nessuna etica di consumo sotto il capitalismo”. Sebbene molti di noi intuiscano che il consumo etico abbia fatto mettere la società sulla strada sbagliata, sembriamo ugualmente insicuri su come apportare il cambiamento. Quando si tratta di creare un mondo sostenibile ed equo cosa c’è di meglio che distruggere lo status quo anziché  rimescolare i contenuti dei nostri carrelli online? Innanzitutto, per rispondere pienamente a questa domanda, è utile capire come siamo arrivati a confondere il fare shopping con il cambiamento sociale. Può sembrare che il consumismo etico sia sempre stato parte di ciò che siamo, ma sono abbastanza cresciuta da ricordare che tempo fa, quando volevi fare acquisti coerenti con i tuoi valori, significava comprare quancosa da Walmart e farlo sembrare fatto a mano per renderlo “cool”, oppure dovevi attraversare i confini di stato per comprare cibo vegano in un negozio di alimenti naturali di proprietà indipendente.

I consumatori etici sono un sottoprodotto degli epici cambiamenti economici neoliberisti che hanno avuto inizio negli anni ’80 e ’90. I repubblicani lanciarono una controffensiva in risposta a ciò che vedevano come permissività del governo, all’eccessivo progressismo e all’era dei movimenti di massa dei diritti civili contro la guerra del Vietnam (sul cui carro i democratici salirono in seguito). Il neoliberismo diffuse il mantra secondo cui i bisogni umani e persino le soluzioni ai problemi sociali possono essere soddisfatti al meglio dal mercato e dal capitalismo, non dal governo, dalla società civile o dall’azione collettiva. Invece emersero rigide normative ambientali, programmi di benessere sociale, sindacati e, soprattutto, nacquero la nostra storia e cultura generazionale su come realizzare il cambiamento attraverso mezzi pubblici piuttosto che privati.

A poco a poco, nel corso degli anni, il consumo etico è passato da essere uno stile di vita di nicchia per radicali e hippy ad essere una bolla controllata dalle stesse aziende da cui noi (intendendo le persone che hanno il tempo e il denaro extra da spendere in prodotti etici) non dobbiamo mai discostarci. Le azioni virtuose, in questo modello, sono ridotte al volontariato delle grandi imprese attraverso la “responsabilità sociale d’azienda”e nel modo in cui i cittadini fanno i loro acquisti: posso ordinare prodotti biologici da Whole Foods e me li faccio consegnare a casa mia in meno di un’ora. E naturalmente, anche le catene di moda hanno assorbito questi valori. In una delle campagne pubblicitarie dell’autunno 2020, Gap mostra degli attivisti per il clima e Primark, un’altra società che ha annullato gli ordini durante il pandemia, anche se da allora ha accettato di pagarli grazie alla campagna #PayUp, sta vendendo capispalla realizzati con materiali riciclati da bottiglie di plastica nella collezione Primark Cares.

Quando ho scritto “Siete pazzi a indossarlo” nel 2012, il consumo etico era intriso di ideologia, e condiviso da molte delle menti più brillanti della società.  Il dilemma dell’onnivoro di Michael Pollan ha dato uno importante matrice intellettuale alla nostra causa. Pollan ci ha spronati ad indagare da dove proviene il nostro cibo, non per riformare i sistemi alimentari aziendali, ma per essere in grado di fare scelte alimentari più informate e soddisfacenti nella nostra vita privata. Allo stesso modo, Eric Schlosser ha concluso il suo incredibile libro investigativo Fast Food Nation con un mantra che abbiamo tutti assorbito: “Il primo passo verso un cambiamento significativo è di gran lunga il più semplice: smetti di comprarlo”. Ciò significa che il modo migliore per riformare l’industria da 239 miliardi di dollari del fast food statunitense sia semplicemente mangiare in un altro posto.

Dopo aver esposto la mia perentoria accusa al fast fashion in Siete pazzi a indossarlo, ho sostenuto che ciò di cui avevamo bisogno era tornare a tempi più semplici, rallentare, fare meno acquisti, autosostentarci e far sapere al mercato che vogliamo abiti etici e sostenibili. Per la CNN ho scritto un editoriale che dichiarava: “Se solo un quarto dei nostri acquisti provenisse da aziende di moda locali o eco-compatibili e con un impegno alla sostenibilità, potremmo cambiare il volto del settore “. Ma alla fine la pandemia mi ha costretto ad affrontare i fallimenti di tre decenni di un approccio incentrato sul tentativo di modificare il mercato.

Ho iniziato a chiedermi non solo se il consumo etico fosse inefficace, ma anche se non stesse permettendo  effettivamente di uccidere persone e di portare il nostro pianeta alla rovina, mentre noi continuiamo a buttare via il nostro potere concentrandoci sullo shopping etico.

Il declino del consumatore attivista

Che aspetto avrebbe un mondo in cui il cambiamento sociale non si limitasse alla lettura dei caratteri piccoli sulle etichette dei prodotti e a rimproverare gli amici per aver fatto acquisti nei negozi “sbagliati”? Alcuni di noi sono fuori allenamento da 30 anni e hanno il diritto di dubitare, ma se guardassimo solo un po’ indietro, a prima dell’era neoliberista, potremmo trovare movimenti sociali guidati da consumatori che hanno esercitato quantità straordinarie di potere politico e apportato cambiamenti duraturi alla società di cui ancora oggi beneficiamo.

Il “movimento dei consumatori”, come era organizzato, è stato uno dei movimenti sociali di maggior successo del XX secolo e aveva l’obiettivo di proteggere i cittadini dalla corruzione economica e dal potere del governo quando questo coinvolgeva i prodotti di acquisto. Alcuni degli eroi di questo movimento sono familiari. Con il suo libro fondamentale Primavera silenziosa, Rachel Carson nel 1962 ha dichiarato guerra alla potente industria petrolchimica e ha contribuito ad accendere i riflettori sulla questione dei pesticidi tossici. Gli attivisti hanno ottenuto un divieto totale sul DDT chimico letale, e le successive proteste dei cittadini hanno contribuito a fondare l’Agenzia per la protezione ambientale. Lo storico libro di Ralph Nader del 1965 La macchina che uccide, chiamava l’industria automobilistica americana a rispondere per i conducenti in pericolo e ha portato a standard di sicurezza delle auto imposti dal governo, comprese le cinture di sicurezza e gli airbag. Le epoche precedenti di attivismo dei consumatori hanno portato a leggi dell’antitrust applicate per la prima volta nei primi decenni del XX secolo.

Allo stesso modo, il movimento per i diritti civili ha sfruttato il crescente potere d’acquisto degli americani di colore per sfidare la segregazione e le pratiche di assunzione razziste e migliorare la rappresentanza governativa utilizzando una combinazione di mirati e altamente organizzati boicottaggi e “acquisti selettivi”, in cui le comunità evitavano collettivamente un elenco di negozi fino a quando i potenti proprietari di negozi bianchi non avessero soddisfatto le richieste dei cittadini neri. La strategia era così efficace e finanziariamente rovinosa in alcuni luoghi che il Mississippi, ad esempio, ha approvato una legge che vietava alcuni tipi di boicottaggio per un certo periodo e ha raccomandato al governo federale di fare lo stesso.

Potrebbe sembrare che siano fatti della stessa stoffa, ma gli attivisti di una volta condividono poche somiglianze con il nostro moderno Consumatore Etico. Gli attivisti hanno fatto di tutto per capire come venivano realizzati e venduti i prodotti e come funzionavano le aziende, ma questo processo di conoscenza non era al servizio di una migliore e più consapevole scelta dei prodotti (come ne L’era del consumo illuminato privatizzato di Pollan): bensì era allo scopo esplicito di ritenere responsabili le società e il governo. “Le riforme dei consumi non possono essere separate dalle riforme aziendali: sono due facce della stessa medaglia”, ha scritto Nader ne Il consumatore e la responsabilità aziendale, un’antologia del 1973 sulle vittorie del movimento nel pieno della sua espansione.

Inoltre, mentre i consumatori etici di oggi discutono se sia opportuno chiamare gli esseri umani “consumatori” invece di “cittadini”, gli attivisti hanno visto i due termini come compatibili, in quanto essere un consumatore informato era un esercizio di buona cittadinanza. Infatti l’obiettivo del movimento dei consumatori è sempre stato quello di cambiare le regole della società in modo che l’intero pubblico ne beneficiasse. Ciò poteva significare ribaltare una politica razzista, sballare un monopolio, far regolamentare e/o vietare un prodotto potenzialmente pericoloso. “Una volta sviluppate la gioia e l’abilità di acquisire informazioni difficili da ottenere, lo stesso processo di ricerca genera una comprensione dei diritti dei cittadini, dei rimedi, della partecipazione e delle decisioni che riguardano tutti ”, ha scritto Nader.
La differenza più evidente tra il consumatore attivista di ieri e il consumatore etico di oggi è sulla questione della responsabilità. Chi o cosa è la colpa per i problemi sociali, e chi ha il potere di risolverli? I consumatori attivisti credevano che le aziende deputate alla vendita di beni e servizi avessero una responsabilità nei confronti “dei clienti, dei lavoratori, e delle agenzie governative che li regolano”. Le aziende hanno una responsabilità nella società. E quando le aziende mettono in pericolo noi o l’ambiente è colpa loro, non nostra come acquirenti. Avevano capito che il mercato deve essere domato con la democrazia, le regole e i limiti, o sarà sempre sfruttato. Il Consumatore Etico, al contrario, crede che in qualche modo siamo noi a creare personalmente i problemi della società inviando dei segnali al mercato che dicono che vogliamo prodotti non etici e non sostenibili. Se seguiamo le nostre convinzioni fino alla loro logica conclusione, ciò significa che problemi seri come la crisi climatica, la disuguaglianza razziale, la distruzione dei sindacati, la carenza di cibo e gli stipendi degli schiavi moderni, siano in qualche modo il risultato di non fare acquisti nei negozi giusti. Com’è conveniente per la fortuna delle 500 aziende che causano direttamente molti di questi problemi.

Rachel Carson testimonia davanti al Congresso nel 1963. Fotografo sconosciuto.

Dobbiamo affrontare il fatto che è inaccettabile e, probabilmente, profondamente immorale, legare la “bontà” umana a ciò che compriamo.

La professoressa di diritto e crociata anti-monopolio Zephyr Teachout è alle prese con le conseguenze del passaggio dal cambiamento pubblico a quello privato e con la colpevolizzazione di noi stessi per i comportamenti scorretti delle aziende – nel suo nuovo libro Break ‘Em Up: Recovering Our Freedom From Big Ag, Big Tech and Big money, scrive: “Quando i progressisti combattono il potere privato, spesso lo fanno nei termini stabiliti dalla destra, in cui il ruolo di un consumatore è più centrale del ruolo di cittadino”. Teachout sottolinea il senso di colpa riflessivo che proviamo quando usiamo Uber o Amazon o diamo i nostri soldi ad altre “cattive compagnie” ed evidenzia la nostra tendenza a rinchiuderci nel privato in risposta al malfunzionamento delle aziende. Il nostro istinto è quello di eliminare il nostro account sui social media invece di chiedere alla Federal Trade Commission e al Dipartimento di Giustizia di interrompere le cooperazioni, ritenere le società di social media responsabili di ciò che viene pubblicato e smantellare Big Tech.

Anche se coloro che si identificano come consumatori etici sono per lo più progressisti, come Teachout evidenzia, apportare il cambiamento attraverso il modo in cui facciamo acquisti è in definitiva un’idea di destra. Abbiamo abbracciato pienamente il sistema neoliberista e la visione del mondo secondo cui il cambiamento dovrebbe avvenire attraverso il mercato. I conservatori sono quelli che pensano che le migliori soluzioni ai problemi sociali siano legate al rispetto del mercato, e sono quelli che hanno combattuto contro le strategie storicamente progressiste per affrontare i problemi sociali e ambientali come la regolamentazione del governo, la spesa pubblica, il miglioramento dell’istruzione, i programmi sociali e i patti commerciali che proteggono i diritti umani e l’ambiente sia qui che all’estero. Il consumo etico potrebbe essere iniziato 30 anni fa come sottoprodotto della nostra impotenza nell’era neoliberista, ma da qualche parte lungo la strada ci siamo venduti.

Questo ci riporta al 2020. Le strategie cambiano. La società cambia. Nel periodo di massimo splendore di Nader non c’erano Whole Foods o resort eco-compatibili o hamburger vegani nelle catene di fast food. I consumatori etici cercano di apportare il cambiamento in un modo diverso, attraverso mezzi privati, ma viene da chiedersi se le alternative, in crescita, di prodotti etici e sostenibili significhino che la strategia del consumatore etico sia efficace di per sé. Abbiamo certamente fatto crescere un mercato in forte espansione anche se differente per etica e sostenibilità, compresi i miei libri, e questo è un bene per le persone e aziende che lavorano in quei settori perché anche il consumo etico può essere un modo per preservare la cultura anti-aziendale e testare idee sostenibili e socialmente responsabili che non sono possibili nel “mainstream”. Ma penso sia ovvio che il consumo etico sia una risposta grossolanamente inadeguata e iniqua ai nostri problemi più urgenti, come la crisi climatica, il razzismo sistemico, i salari da sfruttamento, la crescente disuguaglianza e così via. Inoltre, sono convinta che questi problemi siano in gran parte creati dal potere aziendale incontrollato, dal capitalismo non regolamentato e dalla nostra democrazia indebolita che i consumatori etici aiutano a sostenere. La moda è un esempio perfetto: ciò che spinge le aziende che sfruttano la manodopera non è la domanda dei consumatori, ma è la mancanza di leggi adeguate per proteggere i lavoratori dell’abbigliamento e l’intensa concentrazione economica che incentiva l’industria a ridurre i salari. La migliore soluzione a questo problema è coltivare la nostra democrazia e tornare ai movimenti di massa progressisti e forti del passato che forniscono un contrappeso al potere schiacciante del mercato.

Questo significa che le nostre scelte di consumo etico non contano nulla e che potremmo anche tornare a bere da cannucce di plastica e fare acquisti sfrenati su Amazon Prime? Oppure che possiamo apportare cambiamenti sistemici votando con il portafogli? Ci sono esempi in cui il consumo etico fa una differenza tangibile. Mi viene in mente la scelta di non consumare eccessivamente o la scelta di acquistare un prodotto realizzato da lavoratori che guadagnano salari dignitosi. Si potrebbe obiettare che evitare un bicchiere di plastica o una cannuccia sia importante (sebbene non abbia intaccato la produzione complessiva di plastica).

Ma il punto in cui ci mettiamo nei guai è vedere lo shopping come un atto morale e considerarlo immorale se fatto in una catena di negozi a buon mercato con pratiche commerciali scadenti. Il consumo è un imperativo economico (non c’è modo di sfuggirgli sotto il capitalismo) ed è fondamentalmente determinato dal nostro reddito. A meno che non crediamo che le persone ricche, che possono permettersi prodotti più etici, siano in qualche modo più etiche di tutti noi dobbiamo affrontare il fatto che sia inaccettabile, discutibile e profondamente immorale legare la “bontà” umana a ciò che compriamo. In effetti ora credo che l’unico approccio etico al consumo (ammesso che esista una cosa del genere) sia rendere i prodotti disponibili più economici nel modo più responsabile possibile, come è stato recentemente affermato da The Guardian, il che significa ristrutturare le catene delle grandi aziende che producono la maggior parte delle cose che compriamo.


Scoppiare la bolla


La mia argomentazione non è un pass gratuito per smettere di preoccuparsi dell’impatto delle aziende di prodotti di consumo sulle persone e sul pianeta. Piuttosto è l’opposto: questo è un invito all’azione per incanalare tutto il tempo e l’energia che metteresti nel curare quel perfetto stile di vita etico e utilizzarla come arma per trasformare il mercato in modi che affrontino le vere cause. Non dobbiamo confondere il Consumo Etico – un atto privato – con il potere politico o il cambiamento sociale organizzato e collettivo di cui beneficiano tutti. Quando ci ritiriamo nelle nostre bolle di consumo etico, alcune delle istituzioni più potenti della nostra società ottengono un pass gratuito per calpestare i diritti delle persone che non hanno scelta.

Il mito del Consumatore Etico è difficile da scalfire, ma penso che possiamo iniziare a respingerlo chiedendoci, mentre facciamo acquisti, se stiamo offrendo una soluzione sufficientemente potente ai problemi sociali che incontriamo. Ci stiamo impegnando in un antidoto privato e personale a una malattia, che sia l’inquinamento da plastica o il salario minimo?

Niente di tutto questo è facile. Imparare a essere coinvolti in movimenti politici reali significa apprendere abilità completamente nuove (il libro di Eitan Hersh La politica è per il potere è un’ottima guida per iniziare) e richiede di rinvigorire il nostro sistema politico guasto, e i risultati richiedono pazienza. Il consumo etico fa parte della nostra natura per molti di noi. Recentemente, quando ho scritto un post sulla campagna #PayUpFashion, la nuova fase della campagna #PayUp, chiedendo una riforma sistemica della moda aziendale, comprese nuove leggi e regolamenti per creare salari dignitosi per tutti i lavoratori dell’abbigliamento, come facevano i consumatori attivisti, un collega ha risposto: “Questa è la ragione per cui dobbiamo supportare le piccole imprese”. Ci aggrappiamo ancora alla speranza che dobbiamo solo modificare i nostri orizzonti. Una strategia più potente, una strategia pubblica, consisterebbe nel trovare modi per sostenere la manodopera organizzata nel settore della vendita al dettaglio.

Il problema che stai cercando di risolvere con il tuo carrello degli acquisti potrebbe essere affrontato meglio da un nuova Legge, un nuovo regolamento, un divieto, un incentivo, un nuovo programma sociale, un modo diverso di fare le cose? La risposta è quasi sempre sì.

Quando hai un dubbio, pensa come un consumatore attivista. Piuttosto che rinunciare ai bicchieri di plastica da asporto, i consumatori attivisti lavorerebbero insieme per vietare la plastica monouso, indagare sull’influenza dell’industria della plastica sul governo e spingerlo a proporre una politica nazionale a basse emissioni di carbonio che riduca il peso della lobby della plastica. Piuttosto che comprare cibo biologico, pretenderebbero di far regolamentare meglio l’industria petrolchimica, di costruire di nuovi programmi sociali per sostenere l’agricoltura sostenibile e lavorare per bandire le tossine e invece di boicottare Amazon o eliminare Instagram si renderebbe conto che le nostre stesse leggi antitrust non avrebbero mai dovuto permettere a queste piattaforme di avere così tanto controllo.

Ci sono anche esempi nel qui e ora che mostrano come il cambiamento sociale possa funzionare oggi. Stiamo già assistendo al tramonto del consumatore etico e un enorme spostamento verso movimenti di massa e cambiamenti sociali sistemici. Teachout fornisce l’esempio del crescente movimento anti-monopolio che mira a rompere Big Tech e Big Ag. Allo stesso modo Black Lives Matter chiede la responsabilità del governo e una riallocazione del denaro dei contribuenti dalla polizia alle risorse della comunità. Analogamente la nostra nuova campagna, PayUp Fashion, richiede responsabilità aziendale, riforme legali, salari più alti e regolamentazione nel settore dell’abbigliamento. Tutto il tempo che ho passato a setacciare le etichette dei prodotti e a fare interviste su come costruire un guardaroba etico ora è dedicato alla costruzione di un movimento attivista di consumatori e al contatto con esperti legali e di diritti del lavoro per aiutare la nostra causa.

Ora, quando queste grandi aziende di abbigliamento sbagliano, ritengo che sia loro la responsabilità di cambiare, non la mia di modificare il contenuto del mio carrello. E quando costringiamo aziende e governi a cambiare, quel cambiamento diventa disponibile per tutti, invece che solo per i consumatori che detengono la conoscenza o possono permettersi prodotti etici. Sapendo questo, dormo abbastanza beatamente nel mio pigiama immorale.


Letture da non perdere da questo articolo:
“Silent Spring” (testo italiano “Primavera Silenziosa“, ed. Feltrinelli), di Rachel Carlson
Unsafe at Any Speed” (testo italiano “L’auto che uccide”, ed. Bompiani), di Ralph Nader
Consumer And Corporate Accountability” di Ralph Nader
Break ‘Em Up: Recovering Our Freedom From Big Ag, Big Tech, and Big Money” di Zephyr
Teachout

“Politics is for Power” di Eitan Hersh

Articolo originale su Atmos