MADE IN THE U.S.A.

Potremmo essere persuasi a pensare che nei paesi così detti evoluti, sedicenti democratici o più semplicemente ricchi non ci si possa imbattere in fabbriche che applicano metodi di coercizione e sfruttamento, ma le condizioni di lavoro degli operatori e delle operatrici addetti alla confezione di abbigliamento sono tragicamente simili in quasi ogni parte del modo. Questo perché alla base del sistema capitalistico che regge l’intera dinamica impera il concetto che la richezza di pochi è saldamente radicata nella funzionale povertà di altri. Il colonialismo moderno che permette che i grandi brand possano delocalizzare le loro produzioni in paesi con un costo della mano d’opera bassissimo è lo stesso che spinge quelle stesse popolazioni a tentare la fuga dalla fame e dall’assenza di futuro verso le terre promesse del benessere.

Siamo abituati a vedere sulle etichette dei nostri vestiti la dicitura che riporta il paese di confezione, ma la verità è che dove è stato fatto poco importa, ciò che conta è da chi.

Uno dei paesi che incarna alla perfezione tutte le ipocrisie del sistema che cannibalizza gli utlimi per permettere ad altri di consumare sono gli Stati Uniti. Il settore dell’abbigliamento infatti è il secondo per fatturato della California, stato che, non a caso, detiene il record assoluto di immigrati irregolari, 2.3 nel 2014.

Ci sono 2.000 produttori che impiegano circa 45.000 lavoratori nel settore dell’abbigliamento nel sud e nell’est del centro di Los Angeles, che secondo il California Bureau of Labor Statistics nel 2015 era composto dal 71% di lavoratori nati all’estero, la maggior parte dei quali erano donne di età superiore ai 35 anni.

La maggior parte delle lavoratrici tessili sono alcune delle persone più vulnerabili nella nostra società: donne migranti prive di documenti che non sono consapevoli dei propri diritti o sono incapaci di chiedere una retribuzione equa e migliori condizioni di lavoro.

Le persone più vulnerabili e ricattabili sono quelle che si sono spostate dalla loro casa per necessità e che sono state private di punti di riferimento, documenti e con essi dei propri diritti. Loro sono la linfa che permette la costante crescita dei profitti, tra gli altri, anche dei brand del fashion che basano il proprio business model sul contenimento dei costi e la produzione di massa.

Nel 2010, uno studio dell’UCLA ha rilevato che l’88% dei lavoratori a basso salario a Los Angeles ha subito decurtazioni salariali per una somma stimata di 26,2 milioni di dollari a settimana e il settore dell’abbigliamento detiene il podio come maggior colpevole di violazioni. Andando ancora più indietro, nel 2000 il Dipartimento del lavoro ha esaminato le fabbriche di abbigliamento della California meridionale e ha scoperto che due terzi non pagavano il salario minimo. Ciò che è cambiato, tuttavia, è il fatto che nella storia recente, i lavoratori dell’abbigliamento negli Stati Uniti non hanno mai affrontato circostanze ad alto rischio, di vita o di morte per produrre abiti “Made in America” come fanno ora. Mai prima della pandemia il valore del profitto sulle persone è stato così tragicamente palese.

Nei primi mesi del 2020, i legislatori statali della California hanno introdotto un Garment Worker Protection Act (SB 1399), progettato per contrastare il dilagante abuso di lavoro presente nell’industria dell’abbigliamento di Los Angeles, e in particolare per ritenere i brands responsabili delle condizioni di lavoro pericolose nelle fabbriche. Il disegno di legge ha dovuto affrontare una dura opposizione da parte dei gruppi di lobbying aziendali: CalChamber e California Retailers Association, che lo consideravano un “killer del lavoro”, mettendo in discussione le priorità economiche e sociali dello stato durante la pandemia. Entrambe le lobby sono state accusate dalle direzioni dei brand di punire ingiustamente marchi e rivenditori che non hanno alcun controllo sul sistema di produzione e approvvigionamento.

legge sulla protezione dei lavoratori dell'abbigliamento
Lavoratori tessili di Los Angeles.

Santa Puac è un’ operaia tessile e leader nel movimento GWPA e spiega la necessità degli operai di essere tutelati: “Per 20 anni sono stato in questo paese, ho lavorato nel cucito. Come operaio dell’abbigliamento ho subito molto sfruttamento. Ho lavorato in un’azienda che produceva per circa l’80% per un marchio di moda, e in quell’azienda ho lavorato dalle cinque del mattino alle cinque del pomeriggio, per $ 70 al giorno e 12 ore al giorno, $ 350 per la settimana, per cinque giorni. Non credo sia giusto che si debbano lavorare così tante ore per guadagnare così pochi soldi. Non avevamo il diritto di fare delle pause. Non ci venivano riconosciuti gli straordinari. Ci pagavano solo $ 350 a settimana. I bagni erano sporchi, non c’era carta igienica nei bagni, dovevamo mangiare sopra le macchine su cui stavamo lavorando. C’è molta sofferenza. Ci sono molti furti di stipendio “.

E questo furto salariale ha avuto enormi implicazioni, soprattutto durante la pandemia. Dal 3 agosto al 10 agosto, GWC Dream Fellow Interns ha condotto un sondaggio telefonico con 219 lavoratori dell’abbigliamento di Los Angeles riguardo alle loro condizioni di lavoro . Hanno scoperto che: “L’89% degli intervistati ha espresso preoccupazione per la provenienza del prossimo pasto, il 93% degli intervistati ha espresso preoccupazione per il modo in cui pagherebbe l’affitto e il 97% degli intervistati ha espresso preoccupazione per il pagamento delle bollette dell’abitazione”.

Secondo Marissa Nunzio del Garment Worker Center: “il cottimo è il sistema principale per pagare i lavoratori dell’abbigliamento in questo settore, ed è lì che i lavoratori guadagnano solo in base alla loro produzione. Vengono pagati pochi centesimi alla volta, due centesimi o tre centesimi per il cucito o altre operazioni sull’abbigliamento. Il nostro rapporto mostra anche che le violazioni del salario minimo sono al massimo quando viene utilizzato il sistema a cottimo rispetto ad altri sistemi di pagamento come il pagamento con tariffa oraria “.

Per oltre 55 ore settimanali, i lavoratori a cottimo guadagnano solo una media di $ 297. Per le ore lavorate, il salario minimo legale che dovrebbe essere pagato a quegli stessi lavoratori ammonta ad una media di 601 dollari in più.

Per i lavoratori dell’abbigliamento come Santa Puac, significa che secondo la legislazione vigente, il furto di salario e le successive questioni di insicurezza alimentare, affitto e servizi abitativi non hanno alcuna conseguenza legale. Le aziende sono libere di commettere abusi sul lavoro senza farsi carico di alcun tipo di responsabilità.

“Il Garment Worker Protection Act potrebbe salvaguardare salari legali e condizioni di lavoro dignitose per i lavoratori dell’abbigliamento, condizioni di parità per le migliaia di produttori nello stato della California e un’industria etica”.

Ma la reintroduzione del GWPA deve fare i conti con la realtà di potenti forze di lobbying che hanno svolto un ruolo significativo nel deprioritizzare la questione l’anno scorso. 

legge sulla protezione dei lavoratori dell'abbigliamento
Una fabbrica di abbigliamento a Los Angeles.

Nel 2020, gli effetti immediati della pandemia sono serviti a innescare uno stato di frenesia economica, in cui l’estrema retorica pro-business enfatizzava la “crescita dell’occupazione” e la “ripresa economica”, ignorando la questione se la “crescita dell’occupazione” cercata incoraggiare era sicuro e sostenibile. Ma non deve essere così. La ripresa economica e la crescita delle imprese non devono necessariamente avere un costo per i diritti umani. 

Il disegno di legge si aspetta di affrontare una certa resistenza sia dalla CalChamber che dalla California Retailers Association.

Sembra che questa lotta per la protezione dei lavoratori dell’abbigliamento si riduca a un confronto tra due diversi tipi di imprese: una che ricorda una potenza aziendale sfruttatrice e incontrollata, l’altra l’attività caratterizzata da un senso di responsabilità nei confronti dei suoi lavoratori nel suo missione di sostenere gli standard etici. E di fronte alla pandemia di COVID 19, la California dovrà decidere: sarà influenzata dai vantaggi economici a breve termine che le società incontrollate portano violando la legge, o invece plasmerà la legge per scendere dalla parte dell’equità pratiche commerciali e garantire che tutti i suoi cittadini siano protetti?

È un test di democrazia – quella di cui parlano quando dicono di “volerla esportare”, ma per il momento l’unica pratica che hanno esportato con grande successo è la schiavitù.

Fonti :

Remake.world

Ucla Labor Center

Garment Worker Centre